Giada Mazzanti

In this video

Il falso mito della scuola: non è solo cervello.

Il proposito dei video è quello di poter “sfatare” il luogo comune per il quale la scuola venga considerata soltanto luogo atto alla cognizione e di come, tenendo in considerazione piccoli accorgimenti, la scuola possa ampliare la prospettiva di apprendimento considerando la totalità del processo.

L’istituzione scuola viene tradizionalmente considerata come luogo di crescita e apprendimento, ma cosa definiamo per apprendimento? Se si guarda la definizione della Treccani viene definito come “Atto dell’apprendere, dell’acquistar cognizione” quindi l’apprendere come un inserire informazioni di tipo cognitivo non considerando la totalità del processo.

Non è solo un esercizio di tipo mentale ma è un processo affettivo-cognitivo e tale processo avviene nella relazione con l’insegnante. In questa concezione l’insegnate ha la triplice funzione: pedagogica (sfera cognitiva), curare la relazione sia con il singolo studente che con il gruppo classe e il comprendere i propri vissuti emotivi e biografici in modo da poterli usare nel “fare” scuola.

About The Author